Comune di Casalmorano

Come fare per...


Contesto Pagina

Come fare per...

ASSISTENZA DOMICILIARE

Il servizio è rivolto a persone con una ridotta autonomia a causa di handicap, fisici o psichici, e che si trovano pertanto in una situazione di disagio o di marginalità.

PROCEDURA SAD:

PROCEDURA ORDINARIA


  • La domanda di attivazione del Servizio di Assistenza Domiciliare viene presentata all'Assistente Sociale del Comune di residenza dal cittadino interessato, da suo familiare o da persona di sua fiducia;
  • L'Assistente Sociale valuta preliminarmente la pertinenza del SAD sulla base dei bisogni espressi;
  • Il richiedente formalizza la domanda e, contestualmente, esprime e sottoscrive la scelta del Pattante;
  • L'Assistente Sociale concorda con il familiare e con il Pattante (anche telefonicamente) la vista domiciliare congiunta per la verifica "in loco" della situazione;
  • Durante la visita domiciliare Pattante, A.S. e familiari valutano la situazione cercando di pianificare gli interventi il più possibile corrispondenti al bisogno dell'utente (nel caso sia già attivo o da attivare il servizio ADI si integreranno gli accessi). Per tale competenza sarà riconosciuto all'Agenzia accreditata il corrispettivo di 1 ora di prestazione;
  • L'Assistente Sociale elabora il progetto utilizzando il modulo "Progetto di Assistenza Domiciliare-Voucher". Concorda con il proprio Comune la sostenibilità economica degli interventi proposti;
  • Il Progetto di Assistenza Domiciliare sarà condiviso e sottoscritto dall'interessato, oppure da un suo familiare oppure da persona di sua fiducia e successivamente inviato al Pattante e all'Azienda Sociale del Cremonese;
  • Il Pattante elabora il PAI che sarà sottoscritto per accettazione da parte dell'utente, dal suo familiare o da persona di sua fiducia. Il servizio decorre dalla data esplicitata nel Progetto di Assistenza e, se necessario, verrà rivisto al primo incontro/contatto di verifica nei 15 gg successivi all'attivazione;
  • Il Pattante invia il PAI all'A.S e all'Azienda Sociale del Cremonese entro 3 gg dall'attivazione del servizio;
  • L'Azienda Sociale valida il progetto da un punto di vista economico-finanziario, se ritenuto opportuno, propone osservazioni di carattere tecnico sul Progetto e successivamente ne invia riscontro all'Assistente Sociale di riferimento.



Validatori